Seguici su

Esplora contenuti correlati

SecureOpenNets - DISTRIBUTED LEDGERS FOR SECURE OPEN COMMUNITIES

ITA | ENG

Progetto
SecureOpenNets (DISTRIBUTED LEDGERS FOR SECURE OPEN COMMUNITIES) è un progetto finalizzato allo studio e allo sviluppo di metodi e modelli di distributed ledger per la protezione dei dati e per la privacy, tale da sviluppare soluzioni di business collaborativo in ambito smart communities e per i digital rights. In particolare, verranno studiati algoritmi e strutture dati per l’indicizzazione semantica, il monitoraggio e l’interrogazione su decentralized ledgers e metodi di machine learning e auditing su decentralized ledgers. Tali algoritmi, modelli e metodi verranno declinati e analizzati negli specifici ambiti applicativi del progetto. Il progetto si focalizza su tre ambiti applicativi: 1) Privacy. Lo sviluppo del mercato digitale si basa su diversi pilastri, basati sulla certezza che i propri dati personali siano trasmessi e custoditi in sicurezza, anche quando questi vengano condivisi, in tutto o in parte, con altre realtà che devono trattarli per la fruizione del servizio. 2) Sharing Economy. Diversamente da applicazioni quali Uber, Facebook, Twitter, si intende assecondare la tendenza crescente di avere delle piattaforme libere per lo scambio di dati e/o la fruizione dei servizi, le peculiarità dei distributed ledger, quali sicurezza e tracciabilità delle transazioni, nonché la mancanza di autorità di controllo centralizzate, offrono uno spunto interessante per la migrazione di una serie di servizi, che attualmente ricorrono a forme di centralizzazione sia nella gestione dei servizi che dei dati. 3) Digital Rights. Nell’attuale scenario di gestione dei diritti d’autore che prevede il coinvolgimento di diversi attori che contribuiscono alla creazione di un’opera, alla pubblicazione, alla distribuzione e naturalmente alla gestione dei diritti, la verticalizzazione Distributed Ledger per Digital Rights persegue la finalità di esplorare gli scenari evolutivi di gestione del diritto d’autore da parte dei diversi attori coinvolti al fine di identificarne gli aspetti peculiari e le principali differenze rispetto allo scenario attuale.

Risorse finanziarie
Il progetto è stato finanziato dal PON Ricerca e Innovazione 2014-2020 nell’ambito dell’Asse II “Progetti tematici”, azione “Cluster” che prevede il finanziamento di progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale nelle 12 aree di specializzazione individuate dal Programma Nazionale per la Ricerca (PNR) 2015-2020, in particolare per l’area di specializzazione “Smart Secure and Inclusive Communities”. Per la realizzazione di questa iniziativa è stata concessa un’agevolazione di 4.221.960,00 euro ai seguenti soggetti beneficiari:

  • ALKEMY TECH Srl
  • SUBCOM Srl
  • Poste Italiane SpA
  • OPEN KNOWLEDGE TECHNOLOGIES Srl
  • Università degli Studi “Mediterranea” di Reggio Calabria
  • Università della Calabria
  • BV TECH SpA
  • Università degli Studi di Trento
  • Consiglio nazionale delle ricerche

Impatto sul territorio
Il progetto avrà un ruolo attivo nei processi che coinvolgono il trattamento dei dati personali e sul monitoraggio dell’applicazione online del Regolamento UE GDPR sulla Privacy n. 2016/679
da parte degli attori economici sia a livello nazionale sia internazionale, attraverso lo sviluppo di tecniche, soluzioni e servizi per la sicurezza ed il trust da frodi e alterazioni, nonché la creazione di nuovi algoritmi in grado di garantire previsioni, velocità, economia delle elaborazioni e capacità di adattamento agli scenari normativi.
Le competenze che assumerà il personale coinvolto nel progetto accresceranno il livello di inserimento lavorativo nelle regioni di riferimento, sia nell’ambito delle aziende proponenti che attraverso la creazione di nuove start-up innovative, capaci di conquistare un’ampia fetta di mercato nel campo dei sistemi di sicurezza, cioè in un settore in continua espansione. Le imprese partner, invece, trasferendo e mantenendo in Calabria una parte consistente delle attività di ricerca, determineranno un vantaggio competitivo per la regione e garantiranno alla stessa un posizionamento strategico nell’area di specializzazione dello Smart Secure and Inclusive Communities”, attraverso lo sviluppo di un’offerta trasversale, rivolta a tutto il mercato. I risultati del progetto sono in linea con due traiettorie tecnologiche dell’Area di Innovazione “ICT e Terziario Innovativo” della Strategia regionale per l'innovazione e la specializzazione intelligente - S3 Calabria, contribuendo alla definizione di nuovi modelli di business nel campo del digitale e all’adozione di strumenti avanzati di cyber-security, nel rispetto delle regole sulla privacy, la trasparenza e la sicurezza.

ULTERIORI RISORSE:

Scheda del progetto sul sito di SUBCOM


15/09/2020
torna all'inizio del contenuto