Seguici su

Esplora contenuti correlati

Target Argo

 

Progetto
Target Argo è finalizzato ad ideare e mettere a punto un impianto per la rapid prototyping (RP) con caratteristiche tecniche tali da poter essere utilizzato per attività di additive manufacturing (produzione stampanti 3D), quindi per una vera e propria produzione di manufatti semplici o complessi, e non soltanto per prototipi. Uno dei vantaggi competitivi risiede nella possibilità di utilizzare materiali avanzati e fibrorinforzati pregiati, come il carbonio e il Kevlar, che rappresenta una proposta originale in ambito nazionale.  

Risorse finanziarie
Il progetto ha ottenuto un supporto finanziario di 3.000.000 euro da parte del PON Ricerca e Innovazione 2014-2020, nell’ambito dell’azione "Progetti tematici - Key Enabling Technologies - KETs" attraverso il Fondo di Fondi Ricerca e Innovazione gestito dalla Banca Europea per gli Investimenti (BEI) e creato per incrementare gli investimenti in ricerca e sviluppo. Le risorse comunitarie a disposizione del Fondo di fondi sono investite tramite uno o più intermediari finanziari ed agiscono attraverso strumenti di prestito, equity e quasi-equity nonché strumenti equivalenti. Nello specifico, questo progetto ha beneficiato di investimenti di risk financing sotto forma di equity.

Impatto sul territorio
La proposta progettuale è caratterizzata da una forte innovazione che si concretizzerà nel passaggio di livello di maturità tecnologica (TRL) da TRL5 a TRL8 permettendo a Roboze, beneficiario del finanziamento, di sviluppare e completare la propria linea di stampanti 3D da proporre sui mercati internazionali più promettenti e competitivi, a partire dagli Stati Uniti.​
La rapid prototyping (RP) ha rappresentato una delle più rilevanti novità di innovazione del secolo scorso, capace di rivoluzionare il processo di produzione trasversalmente agli ambiti industriali e produttivi. Nel tentativo di utilizzare gli impianti di RP per una vera e propria produzione, e non solo per prototipi, risiede la sfida che si sta concretizzando proprio in questi anni, in considerazione degli indiscussi vantaggi competitivi che la additive manufacturing può portare in presenza di piccole produzioni o di prodotti particolarmente complessi.
Al termine del Piano industriale 2018-2022, Roboze prevede di passare dagli attuali 18 ad oltre 100 dipendenti.

ULTERIORI INFORMAZIONI

EU investment helps Italian 3D printing firm develop innovative new products
Gli investimenti dell’UE aiutano un’azienda di stampa 3D italiana a sviluppare prodotti innovativi
(dal sito della Commissione europea) 

Target Argo tra gli esempi di progetto attuati con successo in Europa
(Fact Sheet della Commissione europea)

L’innovazione della stampa 3D è a Bari: 2,4 mln di Fondi Ue investiti in Argo di Roboze
(da Il Sole24Ore, 13 gennaio 2020)

Sito del progetto Target Argo


05/06/2019
torna all'inizio del contenuto