Seguici su

Esplora contenuti correlati

UNIHEMP - Utilizzo di biomassa da canapa industriale per la produzione di energia e nuovi biochemicals

ITA | ENG

Progetto
“UNIHEMP – Utilizzo di biomassa da canapa industriale per la produzione di energia e nuovi biochemicals” mira alla creazione di una piattaforma tecnologica che valorizzi gli scarti derivanti dalla coltivazione della canapa, sfruttandoli all’interno di un ciclo di produzione di nuovi biochemicals di interesse manifatturiero, cosmaceutico e dell’energia rinnovabile, in sostituzione di altri materiali oggi prodotti con tecniche per lo più inquinanti. Il progetto risponde all’obiettivo di dar vita a un modello industriale sostenibile e di basso impatto ambientale, combinando produzione primaria, know-how scientifico-tecnologico e innovazione. Nel dettaglio, si prevede la generazione di un processo di economia circolare centrato sulla filiera della canapa, che punti all’utilizzo di risorse biologiche sostenibili e alla loro conversione (con flussi di scarti) in prodotti a valore aggiunto (biochemicals e bioenergie), nella più ampia prospettiva di una bioeconomia europea avanzata che possa consentire una crescita intelligente e verde.

Risorse finanziarie
Il progetto è stato finanziato dal PON Ricerca e Innovazione 2014-2020 nell’ambito dell’Asse II “Progetti tematici”, azione “Cluster”, che prevede il finanziamento di progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale nelle 12 aree di specializzazione individuate dal Programma Nazionale per la Ricerca (PNR) 2015-2020, in particolare per l’area di specializzazione “Chimica verde”. Per la realizzazione di questa iniziativa è stata concessa un’agevolazione di 3.253.667,67 euro ai seguenti soggetti beneficiari, che hanno costituito il partenariato pubblico-privato:

  • DHITECH Scarl – Distretto Tecnologico High Tech
  • Manifatture Sigaro Toscano SpA (MST)
  • Ekuberg Pharma Surl
  • Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA)
  • Avantech Group SRL
  • Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

Impatto sul territorio
In linea con la strategia della Commissione europea “Innovating for Sustainable Growth: a Bioeconomy for Europe” che promuove lo sviluppo di un’economia circolare e biosostenibile negli stati membri, il progetto mira a contribuire al lancio di un processo di bioeconomia nelle regioni della Campania, Puglia e Sicilia che parte dal settore agronomico (coltivazione sostenibile e a basso impatto ambientale) fino a quello chimico-industriale (produzione di biochemicals) ed energetico (bioraffinerie). Attraverso la valorizzazione dei sottoprodotti derivanti dagli scarti della filiera della canapa saranno create aree di business complementari di elevato contenuto scientifico-tecnologico, con l’intento di apportare una profonda innovazione a settori economici come quello agricolo, manifatturiero e cosmetico-farmaceutico. La valorizzazione di questo modello integrato con l’ambiente e le capacità produttive del territorio, invece, sarà conservata nel tempo attraverso la realizzazione di un’associazione di aziende interessate a produrre energia e bio-chemicals, formata in stretta sinergia tra imprese private e partners di ricerca pubblica.

ULTERIORI RISORSE:

Scheda del progetto su sito UNIHEMP

CREA mission: innovare in agricoltura (Donnainaffari.it, 23 ottobre 2020)

Breakthrough discovery: cannabis compound 30 times stronger than THC (Healtheuropa.eu, 10 gennaio 2020)

 


15/09/2020
torna all'inizio del contenuto