Seguici su

Esplora contenuti correlati

SRT_HighFreq-Potenziamento del Sardinia Radio Telescope per lo studio dell'Universo alle alte frequenze radio

Progetto
SRT_HighFreq
persegue un potenziamento diffuso di tutta l'infrastruttura di ricerca, il Sardinia Radio Telescope (SRT), che ha come obiettivo la predisposizione di strumentazione per permettere alla comunità scientifica lo studio dell'Universo alle alte frequenze radio, garantendo un livello di osservazione ad alta sensibilità grazie al superamento sia degli effetti sistematici dovuti alla gravità, sia di quelli non sistematici dovuti al vento ed alle variazioni termiche. Il potenziamento necessita l'acquisizione di nuove e sofisticate tecnologie in settori trasversali quali l’elettronica a microonde, la metrologia di precisione, la sensoristica, il supercalcolo.
I dispositivi che si intendono acquisire, dai sistemi riceventi a microonde ai sofisticati sistemi di monitoraggio e controllo della superfice del riflettore primario del radiotelescopio e dell’intera struttura meccanica, nonché le piattaforme abilitanti per l’analisi e l’accesso ai database delle osservazioni, costituiscono la base della meccatronica moderna e trovano applicazioni interdisciplinari nei sistemi di controllo di grandi apparati industriali, nell’High Performance Computing (HPC) e in generale in tutte le attività industriali che necessitano di sensoristica di precisione.

Risorse finanziarie
Il progetto ha ottenuto un supporto finanziario di 18.683.000 euro da parte del PON Ricerca e Innovazione 2014-2020, nell’ambito dell’azione "Potenziamento Infrastrutture di ricerca” che sostiene progetti finalizzati al potenziamento di 18 infrastrutture di ricerca individuate dal Ministero dell'Università e della Ricerca come prioritarie nel PNIR 2014-2020, rispondenti ad uno o più ambiti ESFRI (European Strategy Forum on Research Infrastructures) e che risultino di notevole impatto sulle traiettorie della  Strategia Nazionale di Specializzazione Intelligente, in particolare all’interno delle Aree “Agenda Digitale”, “Smart Communites”, “Sistemi di Mobilità intelligente” e “Aerospazio e Difesa”.

Impatto sul territorio
Beneficiario del finanziamento è l’Istituto Nazionale di Astrofisica, con sede operativa nell'Osservatorio Astronomico di Cagliari-San Basilio, che insieme alla vicina Cittadella Universitaria e ad SRT si configura da un lato come un formidabile attrattore di interessi scientifici e tecnologici di respiro internazionale con forti ricadute a livello regionale e nazionale e, dall’altro lato, presenta delle enormi potenzialità di ricaduta all’interno dei settori industriali e sul mercato. Grazie alle prospettive legate ad SRT, in Sardegna si sono costituiti solidi gruppi di ricerca che sono cresciuti attirando giovani ricercatori da tutte le parti del mondo grazie anche all'attivazione di programmi mirati e finanziati dalla Regione e dall'European Research Council. Mentre dal punto di vista del trasferimento tecnologico, il settore industriale, incluse le piccole e medie imprese, beneficerà delle nuove soluzioni innovative importando le applicazioni tecnologiche proposte, all’interno di settori strategici quali la meccatronica, la sensoristica di precisione, le telecomunicazioni e l’HPC, ma anche in ambito di sicurezza ed in biomedicina.

ULTERIORI INFORMAZIONI

Astrofisica, lampo radio da record per Sardinia Radio Telescope
(da Askanews, 22 giugno 2020)

Srt, in ascolto del cosmo dall’altopiano del sangue
(dal sito dell’Inaf, 6 aprile 2020)

Sito del Progetto

SRT virtual tour


20/04/2020
torna all'inizio del contenuto